martedì 23 maggio 2017

08. MINAYA - EL PROVENCIO (km. 29)

Presso lo spartano polidesportivo di Minaya riesco a riposare bene e soprattutto avviarmi sul cammino già alle prime luci del mattino, visto che il bar Antonin sulla carretera, dove ho anche cenato, apre molto presto. 
La tappa è di media lunghezza, pianeggiante e la campagna "manchega" è ricca di variegate coltivazioni: grano, cipolle, aglio, piselli, vigne ... Tutto lussureggiante e ben curato. 
Lungo il cammino si incontra il piccolo pueblo di Casas de Roldan in cui non ci sono servizi. Continuando si entra nella provincia di Cuenca per entrare a El Porvencio superando il rio Záncara.
A El Provencio mi accoglie l'hospitalero Manolo il quale presso il locale polidesportivo mi riserva un intero spogliatoio a mio uso esclusivo e mi fornisce di documentazione preziosa sulle accoglienze delle tappe successive.
Partecipando alla S. Messa serale conosco l'intraprendente don Cesar, parroco della bella chiesa parrocchiale di El Provencio dedicata a S. Maria Assunta.




Le primi luci del giorno a Minaya con il campanile della chiesa di Santiago el Mayor.



Il ristorante Antonin sulla carretera.

Il cammino all'inizio è parallelo alla carretera N-301.










Località Las Cañadillas




In prossimità del pueblo di Casas di Roldan: pueblo senza servizi.




La chiesa di Casas de Roldan.



La piazza di Casas de Roldan.


Il cammino è sempre indicato molto bene.









Una coltivazione di aglio.

Un parco di "ombrelli" fotovoltaici presso Hoya del Ducado.





Aglio





La grande fattoria detta Casa del Ángel.

Una coltivazione di piselli dopo la trebbiatura.











Cammino del Sureste e Ruta de Don Quijote qui coincidono.



Le "Cañadas Reales" erano dei grandi percorsi utilizzati per la transumanza degli animali da pascolo. Qui la Cañada Real de los Murcianoas tra le provincie di Castilla-La Manca e Cuenca.










L'attraversamento dell'Autopista A-43.






L'attraversamento della carretera N-310.














In vista del pueblo di El Provencio.


La chiesa parrocchiale della "Asuncion" (sec. XV-XVI)




Entrando in El Provencio superando il río Záncara. Il polidesportivo si trova dalla parte opposta del pueblo non lontano dalle scuole.


Plaza de los Alcaldes dove ha sede l'Ayuntamiento di El Provencio.


Calle de la Iglesia

El Provencio: la chiesa parrocchiale Nuestra Señora de la Asunción (sec. XV-XVI). Qui conosco Don Cesar vivace parroco di questa comunità.




Il polidesportivo di El Provencio.

Ceno presso il ristorante El Pocico: l'unico di El Provencio.

Al termine del giorno i km percorsi sono 29.

Nessun commento:

Posta un commento